68/100 - Ristorante 'Panoramico' (Fonteno - BG). Una terrazza sul Lago d'Iseo.

Giornata splendida, decidiamo per una gita al Lago d'Iseo. Ci ricordiamo di questo ristorante in collina, una posizione incantevole a picco sul lago, in un paesino poco conosciuto.

Non abbiamo prenotato, veniamo fatti accomodare in terrazza, l'atmosfera è molto piacevole.
Mise en place elegante ma semplice, calici di ordinanza, tovagliato chiaro. Due pacchetti di grissini confezionati, non proprio eleganti.
Aspettiamo un po' prima di ricevere le carte; le proposte sono elencate per temi e non per portata (prodotti del lago, piatti della tradizione ecc.). Prendiamo le sardelle di Montisola con polenta e salsa verde, la mia compagna una più classica foiada con funghi porcini.

Nell'attesa ci viene servita una entrée a base di emulsione di caprino con erbe e riduzione di balsamico (non ci viene spiegata dalla cameriera), accompagnata da crostini caserecci (buoni). Un po’ delusi da questo inizio, la volta precedente ci era stata offerta un'entrée migliore (a base di coregone).
In attesa delle portate principali, abbiamo modo di usufruire dei servizi, molto funzionali e moderni (anche la toilette fa la sua parte nella recensione di un locale!).

Arrivano le portate: le sardelle vengono presentate su un'ottima polentina. Il pesce ha un sapore forte ed è molto salato, il piatto è per stomaci forti, ma nel complesso è ben preparato e la salsa a base di aglio si accompagna bene. Anche le foiade della mia compagna sono buone e sicuramente fatte in casa; peccato che non ci venga portato il parmigiano che era stato richiesto (non ci andrebbe sul piatto ma che importa), sebbene la titolare se ne accorga più tardi e si scusi elegantemente.
Accompagnano i nostri piatti due calici di Franciacorta (bianco e rosso) che apprezziamo.

Concludiamo con i dessert: bavarese alla fragola per me e tortino di cioccolato per la mia compagna. Entrambi buoni; bella la presentazione dei piatti. Una nota dolente: intorno al piatto della bavarese persistono dei pelucchi blu probabilmente derivanti da una frettolosa asciugatura o pulizia del piatto.
Caffè espressi (buoni) per concludere, accompagnati da modesti friandise (presentati male e a mio avviso industriali).

In sostanza, un bel posto e un bell'ambiente (ci vorremmo tornare di sera), servizio con alti e bassi, menu interessante (molte le proposte con prodotti dell'immediato territorio) ma senza particolari picchi. C'è ancora da lavorare per fare il salto di qualità, ma l'appassionata titolare siamo sicuri che ci riuscirà.

Questa volta siamo dentro per un pelo: 28 euro a testa, sempre e comunque 30euronondipiù.