10 posti tipici a Parma e dintorni

Se anche voi, come noi, amate Parma e la cucina emiliana, non lasciatevi sfuggire questi 10-dico-10 posticini nella terra di Giuseppe Verdi, Niccolò Paganini e, più prosaicamente, Coruzzi Mauro in arte Platinette.

Ah, una cosa importante: questa classifica non è relativa ai posti dove si mangia meglio in assoluto; bensì alle trattorie ed osterie che secondo noi incarnano più fedelmente la tipicità della cucina parmense e/o parmigiana. A tal proposito, leggasi 'Tipicòmetro' il nostro giudizio sulla genuinità del locale.

Pronti, culatello.... Via!!!!!



10. Trattoria Dai Sibani - Fidenza
Frazione Ferranda Chiusa, 4
43036 Fidenza PR
Telefono:0524 522492


Tipicòmetro: 73%

In breve: Vi accoglieranno i coniugi Sibani, come foste a casa vostra. La pasta rigorosamente tirata a mano è il fiore all'occhiello della proposta, oltre alla immancabile torta fritta, qui proposta al mercoledì e alla domenica.

Nel menu: Spalla cotta di San Secondo servita calda con polenta arrostita e mostarda fatta in casa, Tortelli d'erbetta, Tortelloni con ripieno di faraona, Tagliatelle all'uovo preparate in casa con ragù di pasta di salame e parmigiano, Ravioli con formaggio di capra e miele. 

Prezzo medio: 25/30 euro

IG @stefi_sid


9. Trattoria Al Voltone - Soragna
Via della Repubblica , 20
Telefono:0524.598198

Tipicòmetro: 96%

In breve: La Trattoria Al Voltone tramanda da oltre trenta anni e due generazioni la sua personale filosofia di cucina: semplicità e stagionalità.
Max e Francesca ripropongono i piatti della tradizione parmigiana con un occhio sempre rivolto al territorio e nel rispetto delle stagioni.
La semplicità e la genuinità sono da sempre il punto di forza del locale ed è questo che la clientela apprezza, oltre alla cortesia, alla simpatia e ai prezzi onesti.
Da non perdere le serate a tema, come la classica “maialata”. (adattato da Originalitaly)
 

Nel menu: Prosciutto crudo Frati Carla stagionatura 24 mesi, Anolini in brodo, Savarin di riso con lingua salmistrata e polpettine e funghi, Anatra arrosto, 'Mangia e taci'.

Prezzo medio: 30 euro

IG @martiska84


8. Trattoria al Cacciatore - Salsomaggiore Terme
Cangelasio Costa N°100,
43039 SALSOMAGGIORE TERME (PR)
Tel. 0524 / 572193 - Cell. 333 8200141


Tipicòmetro: 69%

In breve: Nel 1961 nasceva la trattoria "Al Cacciatore". Da semplice bottega, in un paio di anni si trasformò nel regno della Sig.ra Silvana che, facilitata dalle numerose e consistenti prede di caccia del marito, si mise ai fornelli per creare i prelibati gnocchi al cacciatore - rigorosamente con sugo di cinghiale -, lepre e cinghiale alla cacciatora, faraona in erba salvia... Una volta smessa l’attività dei fondatori, la trattoria è stata gestita in società dai tre figli della coppia, fino a quando nel gennaio del 2003 il primo figlio maschio, il Sig Gianni, ha preso in mano le redini della scuderia di famiglia. E da quel giorno la magia culinaria del locale ha trionfato: alla più genuina tradizione delle ricette di una volta si è aggiunta l’innovazione delle tecniche  di lavorazione, degli ingredienti della migliore cucina dei nostri giorni.

Nel menu: Torta fritta e salumi, Gnocchi alla cacciatora, Antica pasta Verdiana, Quaglie ripiene, Cinghiale e lepre alla cacciatora, Tiramisu allo zabaione.

Prezzo medio: 35 euro.

Dal sito


7. Trattoria Campanini - Busseto
Fraz. Madonna Dei Prati  
via roncole verdi 136 
telefono 0524 92569

Tipicòmetro: 67%

In breve: Il ristorante venne inaugurato il 07/05/1911. La conduzione fu affidata al Sig. Oristodemo Oppici, cui va riconosciuto il merito di aver introdotto la "torta fritta" fra le specialità di richiamo della zona (sino ad allora la si faceva solo in casa e saltuariamente). Oggi la Trattoria Campanini rinnova la tradizione e prosegue il cammino storico della gastronomia di Madonna dei Prati. La gestione è affidata alla famiglia Campanini la quale offre alla propria clientela, piatti tipici della zona, naturalmente arricchiti dalla costante presenza nel menù del famoso Culatello di Zibello, di cui è uno dei soci del Consorzio, dalla "torta fritta", realizzata secondo le antiche tradizioni della zona, e dal buon vino prodotto dai vigneti della Bassa Parmense.

Nel menu: Lunedì sera e domenica sera specialità fissa "torta fritta" con culatello, spalla cotta, strolghino. Tortelli con radicchio, erbetta caprino e porri. Caramelle con taleggio e culatello. Guanciale e brasato con polenta.

Prezzo medio: 35/40 euro.

IG @bennynovak

6. Trattoria del Tribunale - Parma
Vicolo Politi, 5 - 43100 Parma
Tel. 0521.285527 

Tipicòmetro: 81%

In breve: nel cuore della città, un indirizzo storico e molto conosciuto sia dai cittadini, sia dai forestieri. Prodotti di qualità provenienti dalle colline emiliane, in particolare dal Prosciuttificio Sant'Ilario.

Nel menu: Torta fritta con salumi selezionati; Tortelli di erbette/zucca/carciofi; Guanciale di vitello con cipolline in agrodolce, Vecchia di cavallo; Sbrisolona, zuppa inglese.

Prezzo medio: 35 euro


IG @tarkhan

5. I Trì Siochètt - Parma
http://www.itrisiochett.it/
VIGHEFFIO – STR. FARNESE 74/a – PARMA (PR)
Tel. 0521 968870 


Tipicòmetro: 96%

In breve: Nella deliziosa campagna parmense, non lontana dal centro del capoluogo emiliano, sorge un’istituzione della cucina parmigiana: I Tri Siochett.
In questa antica osteria divenuta ristorante, dalla struttura accogliente, spaziosa, troverete quanto di meglio offre la tradizione culinaria locale, preparata con amore e sapienza genuina da più di 16 anni.

Nel menu: Crostone di polenta con spalla cotta di San Secondo e crema di Parmigiano Reggiano 48 mesi, Anolini in brodo di cappone, Tortelli d’erbetta, Tortelli di zucca, Coppa di maiale all’agrodolce con frutti di bosco e bacche di gogi, Vecchia alla Parmigiana

Prezzo medio: 40 euro

IG @elisavirgenti

4. Trattoria Vernizzi - Frescarolo di Busseto 
Località Frescarolo , 22 Busseto
Telefono: +39 052492423

Tipicòmetro: 82%

In breve: Trattoria di campagna, dove il tempo si è fermato ad un secolo fa. Locale caratteristico con foto d'epoca di cantanti e personaggi dello spettacolo, offre una cucina tipica, casalinga con pasta fatta in casa, a richiesta menù turistico, il tutto accompagnato da vini locali di produzione propria. Vendita prodotti tipici.

Nel menu: L'arrosto di Vittoria con le patate al forno. Torta fritta e salumi (mercoledì). Faraona. Dolci fatti in casa. Menu fisso del giorno.

Prezzo medio: 25 euro.

Dal web
3. Antica Osteria della Ghiaia - Parma Borgo Paggeria 12, 43121 Parma
Telefono (prenotazioni): 0521-287930

Tipicòmetro: 89%

In breve: L’Antica Osteria della Ghiaia si trova a pochi passi dalla piazza del mercato storico di Parma, la Ghiaia appunto, da cui l’osteria prende il nome. Presente fin dai primi anni del duro dopoguerra parmigiano, dal 1950 a Parma l’Antica Osteria della Ghiaia unisce a piatti tipici quali Cappelletti alla Parmigiana e la Vecia, vini adatti al loro accompagnamento.

Nel menu: Culaccia e Parmigiano, Tagliolini con Porro e Pasta di Salame,
Cavallo Saltato con Peperoni Patate e Cipolle (la Vecia..), Trippa alla Parmigiana, Pesto di Salame, Tiramisù alla Crema di Mascarpone

Prezzo medio: 35 euro
IG @rafben

2. Trattoria Corrieri - Parma
Str. Conservatorio, 1, 43100 Parma PR
Telefono:0521 234426

Tipicòmetro: 93%

In breve: Senza ombra di dubbio uno dei più conosciuti e famosi a Parma. Cucina classica parmigiana, una tappa obbligata insomma. Locale rustico ma accurato, può essere molto affollato.

Nel menu: Torta fritta con culatello, Tortelli di erbetta, patate e zucca, Risotto alla parmigiana, Cavallo pesto macinato, Spalla cotta di San Secondo con purea, Sformatine di riso con crema inglese.

Prezzo medio: 30 euro

Dal web

1. Salsamenteria Baratta - Busseto
Via Roma, 76, 43011 Busseto
Telefono:0524 91066

Tipicòmetro: 73%

In breve: Una delle botteghe più antiche e famose della bassa parmense (Bottega Storica e Verdiana fin dal 1873), sicuramente unica nel suo genere.
Lino Baratta, storico fondatore della salsamenteria, la definisce “museo bottega” ed infatti è proprio questa l'impressione che si avverte entrando. Lo spartito originale della Traviata poggiato su di un leggio, il primo pianoforte del Maestro, acquistato dall'organista Marenghi, detto Stangoni, dipinti, medaglie, onorificenze, ritratti e un mare di altri oggetti proiettano il cliente in un'atmosfera d'incanto, sospesa tra il melodramma e la storia. Si mangia rigorosamente con le mani su fogli di carta gialla e il vino è rigorosamente servito in scodelle di ceramica bianca. (dal sito)


Nel menu: Culatello, prosciutto crudo, coppa, salame, strolghino, ciccioli, lardo pancettato, mortadella, pancetta; accompagnati da salse artigianali:
Lardo pesto (con aglio cipolla prezzemolo carote), peperoncini ripieni con acciughe e capperi, salsa rossa con carote e peperoni, salsa verde di prezzemolo e tante altre.


Prezzo medio: 25 euro.

IG @filus8