Odissea (BG) - L'Hellas sbarca a Bergamo

L'insegna ancora manca ma la fame dei Bergamaschi per la cucina 'etnica' o per meglio dire 'altra' - che non sia 'polenta e pica sö' - ha dato subitaneo successo a questo localino situato in posizione defilata rispetto al centro della città. Del resto che si sentisse la necessità di un ristorante greco a Bergamo, senza dover andare a Milano, è cosa nota.


Il bello del locale è certamente il colorato dehors che allieta le rarissime serate estive di quest'anno. Vero è che non si è accarezzati dal meltemi e che la vista non sconfina all'increspato Egeo – al massimo si può sperare che il vicino non butti proprio in quel momento la spazzatura – ma tant'è, ci si accontenta e si può anche godere, in fondo.


Una cucina semplice, confermata dal claim 'fast food greco', uno spicchio di ellenicità a prezzi confortanti, visti il periodo.


Polpette miste (buone) aprono lo stomaco e sono accompagnate da un edulcorato tzatziki.


Il moussaka è OK, forse la parte migliore della cena, morbido e ricco.


Il piatto misto abbonda un po'troppo di patate fritte, ma nel complesso ricorda l'offerta delle tabepnas cicladiche; non mancano gyros, souvlaki, feta e le classiche olive nere.


I dolci (kataifi) andrebbero rivisti con qualcosa di piu'artigianale.



Nel complesso, una buona proposta alternativa ai classici ristoranti-trattoria della zona, consona per la pausa pranzo, piuttosto che per la cena. Servizio assolutamente cordiale, un po'da registrare nelle tempistiche e nella coordinazione.

Abbiamo speso 16 euro a testa, bevande incluse, e siamo usciti satolli.