La Zuppa di Sigi (Bergamo): Un'idea... liquida


Era da diverso tempo che progettavamo di andare a cena in questo localino aperto da pochi mesi, specializzato in zuppe. L'idea è davvero brillante, soprattutto in vista della stagione fredda che è alle porte.


Ebbene, abbiamo trascorso una bella serata, sebbene i pareri di noi (tre) commensali siano stati piuttosto contrastanti.

Innanzi tutto si dica che La Zuppa di Sigi non è un ristorante. Non c'è servizio al tavolo e quindi la formula è quella del take-away con spazio per consumare all'interno. Le zuppe vengono cucinate e confezionate in un laboratorio esterno al locale (da parte della moglie del titolare), poi distribuite nella zupperia. Delle numerose zuppe proposte nel menu, solamente 5-6 tipi sono disponibili. Poco male, perché ciò giustifica la freschezza e stagionalità dei prodotti; piuttosto, manca un po' di chiarezza nella comunicazione.

L'ambiente è lineare e sobrio, forse un po'spoglio nella zona consumazione ma nel complesso piacevole. Ci riceve una bella ragazza al banco, a dire il vero un po'asciutta e seriosa, quasi distaccata. Peccato non comunicare l'entusiasmo di un progetto così innovativo e moderno....

Quando arriva il titolare Nereo, che è anche il pony-zuppa, riusciamo a scambiare due parole sul progetto e ci facciamo autorizzare a scattare qualche fotografia.

Ma veniamo alla degustazione. Le zuppe vengono fatte con ingredienti esclusivamente naturali e non addizionate di coloranti né glutammato. Un'ottima iniziativa.

Noi abbiamo ordinato una ribollita (servita con pane casereccio non bruschettato), una zuppa con lenticchie e salsiccia e una zuppa con ceci e porcini.


Iniziamo con il dire che le zuppe sono buone e si avverte la genuinità del prodotto. A parte qualche dettaglio (pochi porcini e poca salsiccia nelle rispettive preparazioni) ciò che ci ha un po'sorpreso è il ricarico delle stesse (da 6.50 a 7.50 euro).


Bisogna infatti tener presente che non c'è servizio e i piatti sono usa e getta. Analogamente ci pare eccessivo il ricarico delle torte salate (una fetta euro 5.50) e dell'acqua naturale (bottiglia di Guizza euro 2.50, per un ricarico di 15 volte circa).


In definitiva, la splendida idea della Zupperia potrebbe volare piu'in alto; basterebbe aggiustare un po' i prezzi e far trasparire maggiore entusiasmo. Altrimenti, si rischia di avere un'idea solo... liquida!

-----------------------------------------
Il conto:

Ribollita euro 7.50
Zuppa lenticchie e salsiccia euro 6.50
Zuppa ceci e porcini euro 7.50
Torte salate euro 5.50 x 2
Acqua (Guizza) euro 2.50
Pane 3 porzioni euro 3.00

Totale euro 38.- in 3 persone