Cena @ DeGusto Birra e Cucina - Bergamo

Freschezza. Ci pare il sostantivo più appropriato per descrivere questo posticino, DeGusto Birra e Cucina.


C'è un minimo comune denominatore, la birra, che si prende il palcoscenico e lo spazio più ampio all'interno del locale, dove sopra le spillatrici campeggia la lavagna con le proposte del giorno. La si ritrova anche nel menu, nel birramisù.


Il concetto è: coniugare una cucina di spessore alla birra di nicchia. Farlo in un locale fresco, giovane, attuale. A prezzi ragionevoli. Il risultato è centrato in pieno. Si mangia bene, si spende il giusto. Si gode di una bella atmosfera rilassata, a volte un po'caotica. L'acustica non è impeccabile ma tant'è.


Arriviamo alle 20:30, tavolo per quattro. Per fortuna abbiamo prenotato. I coperti sono una trentina, la richiesta è elevata. C'è gente che aspetta in piedi. A fine serata - abbondantemente dopo le 23:00 - si siederanno altri avventori. E'il terzo turnover di tavoli. L'impressione è di un ricambio costante fino a notte fonda: il locale chiude alle 2:00. Finalmente un posto dove si può mangiare fino a tardi.

Il menu consta di una sezione con la carta vera e propria e una piccola carta con le proposte da 'pub', meno impegnative. Buona parte del menu è dominata dalle birre in bottiglia, roba da intenditori. Noi optiamo per le beers on tap che preferiamo. Tra queste spicca una fantastica Endorama Santa Lucia che ci ha colpito per persistenza e bouquet aromatico. Forse più appropriata sotto Natale.

Alterniamo un paio di piatti da 'pub' alle proposte alla carta. In entrambi i casi non mancano gusto e presentazione.

Da urlo il fish & chips dalla pastella super croccante, leggerissimo; patate da manuale.


Anche l'hamburger ha il suo perchè, un considerevole half-pounder scenograficamente spesso, forse un po'disagevole nel morso.


Coraggioso l'uovo croccante, spuma di polenta e branzi, con la doppia cottura in camicia e poi fritto, non perfettamente fondent ma piatto comunque dall'ottimo bilanciamento.


Nulla da dire sul risotto rapa rossa e formai de mut, cremoso ed al dente. Ottimo il fatto che si possa ordinare la porzione individuale.


Ah dimenticavamo. Focaccia impeccabile e strasoffice fatta in casa, pane di qualità. Il che fa pendant con il gradevolissimo pre-dessert, una quenelle di gelato alla vaniglia su letto di nocciole tostate. Attenzioni da ristorante di livello.


Il tutto si conclude  con il birramisù (non potevamo esimerci). Dolce da urlo, croccantezza trovata con la base di granola tipo cheesecake, poi il tramezzino di pan di spagna imbevuto nella birra scura. Chapeau per il gelato sempre alla dark ale, una figata pazzesca.



Molto scenografica la Creme brulèe, frutti di bosco e gelato allo yogurt, la cui caratteristica precipua è proprio quella freschezza che chiude il cerchio.


Ambiente cool, minimal. Gente giovane ma non solo. Tutti accomunati dalla curiosità, se ne è parlato molto del DeGusto. Il successo c'è, si vede. Ci pare un successo meritato. Servizio col sorriso, si lavora con passione. Molte risate, tante occasioni per scambiare una battuta, per conoscere altre persone: c'è un bancone dove poter mangiare, grazie per averci sprovincializzato! Cibo ben trattato, materia prima fresca. Prezzi giusti. Il regno della birra. Complimenti, usciamo soddisfatti.